Nysura Distillery, 4GoodCause, isola. Tre realtà, un unico intento: produrre, valorizzare e promuovere l’eccellenza siciliana.

Ginacria è il battesimo di Nysura Distillery- frutto della ricerca e della curiosità di Dario Rinaldi che in questo gin ha voluto condensare la sua esperienza di agronomo, all’interno di una micro distilleria sita a Nissoria, nel cuore della Sicilia. Il rispetto per i ritmi della natura, l’interesse per l’innovazione, l’amore per la Sicilia trovano legame con il progetto di 4GoodCause, startup innovativa a vocazione sociale che si occupa di supportare cause ambientali legate al territorio siciliano reinventando un nuovo modello di circolarità economica, dove semplicemente con gli acquisti quotidiani di prodotti e servizi, è possibile finanziare i progetti del proprio territorio, senza alcun sovrapprezzo.

L’immagine e il nome di Ginacria sono di Mariagrazia Pontorno. Per la comunicazione della sua azienda Dario Rinaldi ha infatti scelto di coinvolgere un’artista in grado di innestare la propria poetica nei gin di Nysura Distillery. Un progetto che fa di Ginacria un blend di pensiero.

L’evento sarà l’occasione per raccontare come progetti virtuosi possano innescare sinergie tra loro e supportare il territorio, e naturalmente degustare i gin vincitori di prestigiosi riconoscimenti internazionali, tra cui The Gin Guide Award e il World Trophy Best Spirits.

Modera:

Antonio Iacona, Giornalista e Founder di Charmat Magazine, Direttore “Sicilia da Gustare”

Speakers:

Dario Rinaldi, Agronomo e Founder, Nysura Distillery

Antonio Perdichizzi, Founder, isola Catania

Mariagrazia Pontorno, Artista, Nysura Distillery

Luca Manca, CEO e Co-Founder, 4GoodCause

Luana Manca, Project Manager e Co-Founder, 4GoodCause

“In qualche modo, siamo tutti esuli e la patria non è un luogo fisico ma un bisogno che si sposta”.

Venerdì 29 aprile a Scenario Pubblico si terrà una serata di solidarietà per l’emergenza Ucraina. Sul palco i danzatori della Compagnia Zappalà Danza metteranno in scena lo spettacolo Patria, creazione di Roberto Zappalà ideata nel 2013 e attuale come non mai.

L’appuntamento prevede la partecipazione in presenza a Scenario Pubblico alle 20:45. Sarà possibile partecipare all’iniziativa con un’offerta minima di 10 euro, esclusivamente prenotando il proprio posto dal seguente link.

Il contributo del pubblico permetterà di sostenere i progetti di accoglienza dell’Associazione italo-ucraina “I Nuovi Confini Onlus Italia” che, in collaborazione con l’Associazione SICULA BUTOH a.s.d, fornirà aiuto concreto per i profughi ucraini sul territorio siciliano, dalle spese mediche ed alimentari al supporto psicologico, passando per le attività ludiche per i più piccoli.

Vi aspettiamo numerosi per una serata all’insegna della solidarietà!

Tavola rotonda “ABADIR ORIENTA”
Generazione Z, scuola e lavoro

L’orientamento alla scelta della carriera universitaria è parte integrante del percorso formativo e assolve a una duplice funzione: spingere i giovani ad interrogarsi sulle proprie attitudini, aiutandoli ad esprimere al massimo il proprio potenziale, e informarli concretamente sulle opportunità offerte dal mercato del lavoro contemporaneo.
Questo tipo di consapevolezza è reso oggi più che mai necessario dalla richiesta crescente, da parte delle aziende, di figure professionali altamente qualificate negli ambiti della sostenibilità, delle competenze digitali e dei mestieri creativi, settori attualmente in espansione e con un ampio margine di crescita negli anni a venire.

Ore 17.00

ABADIR e l’orientamento: pratiche e approcci per una scelta consapevole

Intervengono:
Lucia Giuliano, Direttrice ABADIR Accademia di Design e Comunicazione Visiva
Dario Faraone, Program Manager per la Sicilia, JA Italia
Giovanni Di Stefano (TBC), Etna Hitech
Angela Fontana, Provveditorato agli Studi della provincia di Siracusa

Ore 18.00
Ask More Questions: la scuola si racconta
Attività di PCTO a cura di Mauro Maugeri e Alessandra Rigano (febbraio-maggio 2022)

Intervengono:
Prof.ssa Gilda Arena, Docente di Matematica e Fisica e R.S.P.P. del Liceo G. Turrisi Colonna di Catania, con gli studenti e studentesse della classe 4a E dell’Istituto
Prof.ssa Alessandra Stanganelli, Docente Funzione Strumentale PCTO e Orientamento del Liceo E. Boggio Lera di Catania, con gli studenti e studentesse delle classi 4a DL e 4a ASA

Ore 18.30
Discussione aperta e conclusioni

Quali immaginari sonori avrebbe potuto disegnare Antonin Artaud se avesse potuto varcare le frontiere tecnologiche del tempo presente?

L’organizzazione Retablo porta in Isola il workshop L’organicità della voce e il corpo senza organi, un laboratorio aperto a curiosi, musicisti, attori e performer, per indagare le possibili interazioni tra la voce e le nuove tecnologie per creare sonorità performative in tempo reale.

A seguire la Restituzione pubblica e presentazione del volume “Artaud e i suoni della crudeltà” con la partecipazione di Antonello Lello Cassinotti e Luca De Marinis.

La partecipazione al workshop è gratuita, registrati per parteciapre!

🎭Dal 3 al 12 Maggio la quinta edizione di FIC, promossa da Scenario Pubblico, renderà Catania un palcoscenico diffuso dedicato alla danza contemporanea, assieme alla contaminazione di altre discipline come: teatro, musica, cinema e arti visive. 

Il suo acronimo, Focolaio di Infezione Creativa, intende diffondere l’epidemia artistica nella città attraverso un’esplosione di creatività ed una collaborazione capillare tra diversi partner. 

Isola ospiterà l’esposizione a cura di Fondazione Oelle dell’artista siciliano Alfio Bonanno, uno dei più quotati artisti di Land Art autore di Memorie di Etna e Memorie di Sicilia.

MEMORIE DI ETNA (2017)
L’opera è stata realizzata ricoprendo gli oggetti con pietra lavica soffiata proveniente dal Vulcano Etna.

MEMORIE DI SICILIA (2017-2019)       
Le opere sono state realizzate utilizzando materiale site specific. I legni raccolti, e integrati all’interno dell’opera, sono utilizzati come pennelli e vengono sempre recuperati dal luogo rappresentato. Le opere di Alfio Bonanno esposte in Isola fanno parte della Fondazione Oelle Mediterraneo Antico ETS

ALFIO BONANNO classe ’47, nato a Milo ma australiano di formazione, è uno dei più quotati artisti di Land Art. Le sue installazioni site specific sono mappate in tutto il mondo e coinvolgono le foreste del Canada, Indonesia, Giappone, Regno Unito, Europa e Usa. Il suo lungo percorso artistico inizia a Sydney e prosegue a Roma nel 1970. Dall’Italia passa poi in Danimarca (paese in cui vive tutt’oggi) dove si consacra come artista internazionale. La sua cifra poetica è la particolare attenzione posta al rispettare le caratteristiche del luogo e al coinvolgimento della popolazione che lo abita in ciascuno dei suoi lavori. Una fusione di intenti che Bonanno definisce “Arte e Natura” e nella quale è possibile leggere la vicinanza alla terra e ai suoi valori che gli deriva da un’infanzia contadina e dalle sue origini isolane.
Il rispetto e l’amore per la natura sono il cuore pulsante delle progettualità dell’artista.


🕑 Sarà possibile visitare la mostra dal 2 al 12 maggio, dal lunedì al venendì dalle 8:00 alle 20:00, il sabato e la domenica dalle 18:00 alle 20:00

 

Agata on the road 2024.

Nata durante l’emergenza Covid per dare voce alla straordinarietà di una popolazione costretta ad una devozione silente, quest’anno Agata on the road si consolida come un progetto ricco di contemporaneità, che evidenzia la dimensione artistica e culturale della festività.

Agata on the road 2024 della Fondazione Oelle Mediterraneo Antico ETS è allo stesso tempo un atto d’amore ed una visione diversa del culto agatino attraverso il linguaggio dell’arte.

L’accento è posto sul rapporto tra Agata e le strade, Agata e i suoni, Agata e la popolazione di una città senza filtri che va al di là dei confini geografici. Il progetto, inserito nel programma delle celebrazioni agatine del Comune di Catania, si articola in diversi luoghi e momenti.

Le collezioni:
Auditorium Libero Grassi – Palazzo dei Chierici, Piazza del Duomo
dal 29/01 al 29/02.

L’archivio:
Museo dei Saperi e delle Mirabilie Siciliane – Palazzo Centrale dell’Università, dal 29/01 al 07/03.

La call:

FON Art Gallery – Appendix, Via Antonello da Messina, 45, Aci Castello, dal 29/01 al 07/03.

L’archivio Spin OFF:
Spazio O Spririto Mediterraneo, Via San Lorenzo n.20, Catania.
dal 29/01 al 07/03.

L’archivio Spin OFF
:
Isola Catania, Piazza Cardinale Pappalardo n.23, Catania, dal 29/01 al 07/03.

 

In Isola:
Angelo Iodice, Sant’Agata e Persefone, 2015

Sant’agata e Persefone
Il progetto Santa Agata e Persefone, nasce dalla volontà di ingrandire con una lente ironica e maieutica la veridicità e il potere delle icone religiose e della loro simbologia.
Sant’Agata che rappresenta il “Cristiano” amore verso Dio si unisce a Persefone divinità ambivalente, tra il mondo di sole e di primavera, il mondo delle tenebre e della notte. Il progetto ripercorre il processo di Cancellatura riferendosi così al concettualismo di Emilio Isgrò. La cancellatura serve a rivelare la porzione cancellata, a farla germogliare, a farla entrare in contatto con altri elementi lontani, sprigionando così nuovi significati; cancellatura non per censurare ma per creare. Echi di sofistica greca creano in queste opere un corto circuito fecondo, il colore sull’icona ha la capacità immonda, di creare vuoto. Il vuoto come altro elemento caratterizzante del corpus, il vuoto è dove il tempo e lo spazio sono apparentemente assenti, dove giungono a un punto morto, creando un’irrequietezza, un disagio, obbligando
lo spettatore a ricercare una certezza. Il vuoto non coincide con il nulla.
Dice Hidegger «Ho sempre pensato al vuoto come a uno spazio transitorio. E tutto ciò ha molto a che fare con il tempo. Sono sempre stato interessato al momento creativo in cui ogni cosa è possibile e niente è ancora accaduto. Il vuoto è quel momento di tempo che precede la creazione, in cui tutto è possibile».

Mostra visitabile fino al 7 marzo

Se è vero che l’arte “deve farsi lente d’ingrandimento posata sul fuori quotidiano”, Isola vuole porsi come luogo plurale, punto di osservazione e dibattito.

Piattaforma da cui indagare le relazioni che intercorrono tra la produzione artistica contemporanea e le inarrestabili trasformazioni della realtà, in cui porsi domande sul presente e confrontarsi con nuove narrazioni capaci di stimolare reazioni, meditare criticamente sulle questioni urgenti dell’oggi.

Osservare il mondo attraverso le lenti dei giovani artisti è un’opportunità per riflettere, grazie alla loro sensibilità, e intravedere le direttrici del prossimo futuro.

In questa direzione e dal pretesto della giornata internazionale della Solidarietà, istituita il 20 dicembre, abbiamo voluto indagare il tema anche attraverso lo sguardo di Diego Greco, artista e studente dell’Accademia di Belle Arti di Catania e la guida di Francesco Lucifora, curatore indipendente e docente di Storia e Linguaggi dell’arte contemporanea per ABA CT e Made Program di Siracusa.

Alcune ricerche artistiche sono infatti efficaci modalità per domandarsi cosa significhi essere oggi comunità, se e come l’umano si apre e si confronta con l’altro.
Nel lavoro di Diego Greco è chiaro il rimando alla primordiale e ormai rara forma di vicinanza tra esseri viventi, matrice naturale e comunitaria in cui la postura solidale degli individui sgombrerebbe il campo da ogni male.

Bugiardino è il titolo della prima mostra personale di Diego Greco, artista che lavora con il disegno, il video, l’animazione, avvalendosi di un inedito approccio all’audio-video, con esiti dotati di un affascinate lirismo tecnologico.
L’intervento e i lavori pensati per lo spazio di Isola convergono nell’intenzione dell’artista di condurre verso un’aumentata sensibilità che strato dopo strato si carica di significati che finiscono per creare un sistema di empatie diffuse. Bugiardino si riferisce anche ad un’opera del 2022 che rivela una duplice posizione di Diego Greco, quella che restituisce la possibile soluzione insita nella cura e nel farmaco come affidamento e l’altra, sottotraccia, che rimanda alla primordiale e ormai rara forma di vicinanza tra esseri umani, matrice naturale e comunitaria in cui la postura solidale degli individui sgombrerebbe il campo da ogni male. La poetica embrionale dell’artista dispiega ed espone una simbiosi tra segno , meccanismo e dispositivo, dove il suono acquista una posizione di flusso usato come appunto e verifica dello spazio di viaggio, di fuga e di vicinanza o lontananza dall’altro. Bugiardino svela alcuni ricordi in forma di spartiti e si attua come progetto espositivo in grado di entrare in contatto, farsi interattivo senza forzature, ma con la sola potenza della condivisione, a partire da un ricordo.
Francesco Lucifora

La mostra è visitabile dal 19 dicembre 2023 al 31 gennaio 2024 dalle 09:00 alle 19:00.
* Dal 23/12 al 07 /01 la struttura sarà chiusa pertanto non sarà possibile accedere *

Il Fringe Festival è una rassegna internazionale del Teatro Off e delle Arti performative e sarà ospitato per la seconda volta dalla città di Catania dal 19 al 29 ottobre.

Un Festival della città e non solo nella città, che ha l’obiettivo di coinvolgere il tessuto sociale ed economico catanese; attirare turisti stranieri per le rappresentazioni in lingua, platee variegate, anagraficamente diverse, ispirate da curiosità precise oppure incerte.

Quindici giorni di appuntamenti che si irradiano dal cuore della città alle periferie, trasformando Catania in una magnifica e colorata fiera in cui i prodotti esposti saranno proposte culturali molteplici dalle caratteristiche differenti.

Il cittadino potrà diventare visitatore nella sua stessa città, vivendola con pienezza in ogni angolo, perché il Fringe Festival coinvolge un alto numero di location come mai altra iniziativa prima d’ora. Il turista potrà vivere l’agio di scoprire zone di Catania al di fuori dei circuiti consueti.

Scopri tutte le location e gli spettacoli.

 

Sicilia Felicissima – Mostra di Comunicazione Visiva e Territorio

Promosso da ABADIR, AIAP e CAFFE’ MOAK e sostenuto da ADI Sicilia, il progetto triennale che valorizza la sinergia tra grafici e aziende siciliane giunge alla fase conclusiva.

Sarà un’occasione unica per immergersi nel mondo della comunicazione visiva e dell’imprenditoria illuminata, in particolare durante la Masterclass tenuta da Franco Achilli.

Registrati su Eventbrite per partecipare. Ti aspettiamo venerdì 31 marzo alle h 9:30, non mancare!

TERRA DI ROSA – vite di Rosa Balistreri –

di e con Tiziana Francesca Vaccaro

aiuto regia Giovanni Tuzza

musiche Andrea Balsamo

____

illustrazione Elena Mistrello

fonti biografiche: “Rosa Balistreri. Una grande cantante folk racconta la sua vita.” di Giuseppe Cantavenere; “Rusidda… a licatisi” di Nicolò La Perna; 188 donazioni dI R.B (libri, dischi, ricordi personali) alla Biblioteca comunale di Licata

C’era una volta una donna, che la sua terra, bella e piena di contraddizioni, se la portava dentro e la raccontava con la sua voce profonda. La terra che racconto è la terra di una bambina che diventa donna e che da quella terra sente il bisogno di staccarsi, ma allo stesso tempo non ne può fare a meno. Terra di emigrazione, difficile viverci e sopravviverci. Il sud. Un’unica terra dalla quale non si parte mai del tutto.

Lo spettacolo racconta la storia di Rosa Balistreri, cantante folk siciliana che negli anni ‘70 è stata tra i grandi protagonisti della riscoperta della canzone popolare. Rosa, una bambina che diventerà una donna forte e coraggiosa, che non si adeguerà mai al ruolo di figlia e moglie fissato per lei dalla famiglia e dalla società. Rosa che imparerà a leggere e scrivere a 22 anni per non essere più schiava. Rosa che canterà di liberazione e rivoluzione, facendo risuonare il suo canto per tutta la Sicilia, come un urlo. Rosa che con la sua voce girerà il mondo, tenendo i piedi sempre ben piantati nella sua terra d’origine, per non perdere mai il contatto con la vita, difficile, aspra, appassionata. Vita non come vermi sotto terra, ma alla luce del sole.

L’evento è riservato. Partecipazione su invito.